Accedi

Accedi

Proseguendo con Facebook accetti i termini di utilizzo e acconsenti al trattamento dei dati personali
or
dati personali

Anche il Garante lo evidenzia. L'uso di dati genetici è un pericolo per la privacy.

Obiettivo è di allargare il potere di profilazione, la vera ricchezza dell'economia digitale

Già nel 2016 gli strani traffici di DNA nell'ogliastra, in sardegna, non erano passati inosservati al Garante della Privacy

Alcuni anziani che nel 2000 avevano aderito al progetto di studio dei loro genomi (presenza sul territorio di numerosi ultracentenari) e quindi avevano acconsentito al trattamento ed uso dei loro dati biologici, hanno chiesto l'intervento del Garante, dopo la notizia del fallimento della società incaricata e la successiva vendita degli asset e quindi dei campioni genetici ad una azienda Inglese.

Il Garante della Privacy ha stabilito che quelle informazioni genetiche potevano essere utilizzate solo dopo un nuovo consenso dei donatori, consenso che alcuni hanno già revocato. Ad oggi le provette di DNA sono state poste sotto sequestro.

Ora comprenderete a fondo la vera importanza del controllo dei propri dati personali. Immaginiamo una profilazione genetica di massa, le informazioni raccolte, potrebbero essere appetibili per le compagnie assicurative o per i datori di lavoro interessati a selezionare il proprio personale sulla base delle caratteristiche genetiche, o addirittura per le case farmaceutiche desiderose di testare nuovi farmaci su soggetti selezionati".

Anche Google ha annunciato che si appresta a realizzare una grande banca dati genetica, con l' obiettivo di allargare il potere di profilazione ( raccolta dei dati personali ), il vero petrolio dell'economia digitale.

I rischi per tutti noi aumentano, se i colossi del digitale entrano in possesso di informazioni sul nostro profilo genetico, sullo stato di salute, sulle caratteristiche biologiche o la predisposizione a sviluppare determinate malattie.

"Se e' vero che si possono ottenere profitti dalle ricerche sul materiale biologico degli esseri umani", ha ricordato Il Garante, "è altrettanto vero che non esiste la proprietà di una biobanca, ma solo il diritto a fare studi sui campioni disponibili".

Controlla, previeni e tutela i tuoi dati personali con Identità Digitale Defender.

A quante libertà siamo disposti a rinunciare per sfruttare i benefici delle nuove tecnologie? Leggi intervista al Garante della Privacy

Per qualsiasi informazione o richiesta specifica CONTATTACI

Fonte La Redazione di Identita Digitale Defender

E' VIETATA la riproduzione e distribuzione anche solo parziale

Il marchio è di proprietà di identitadigitaledefender

Per informazioni commerciali e richieste d'uso specifiche visita la sezione contatti

Copyright © 2017 Identitadigitaledefender.it All Rights Reserved